Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 197
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0205
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0205
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E « igf

clissimo : e sarei il più iagrato uomo del
mondo se io , come ho fatto col padre Fri-
si , così ancora non ne ringraziassi Y. S.
lllustrissimà. II sno capitolo tra gli aìtri
deìla disciplina è rm capo d’opera; e per
niente la cede ad esso queilo ch’ ella ha
composto sopra la cognizione del cuore
uinaao, e l’altro sopra la scienza dei gran-
di movimenti deeìi eserciti. Io mi raliegro

O O

senza line con V. S. Illustrissima di tale
bellissima sua opera, e tanto più me ne
rallegro, quanto che essa non è altro , che
l’aurora d’un più bel giorno ; e tale sarà
certamente il suo comentario sopra Giu-
lio Cesare, che mi par mill’anni di poter
leggere e considerare. Ottimamente ha el-
la satto a scegliere la lingua francese per
iscriver le sue opere ; tanto più cbe tanto
è valente in essa , che i Francesi saranno
per sentirne un po’di gelosia.

Mi sieno le belìe sue opere , e il vaìo»
rosissimo padre Frisi una scorta a ofserirle
la mia servitù , corae mi sono a dichiarar-
ie la grandissirna stima, in cui tengo la ra~
ra virtù sua , e con cui ho l’onore di raf-
ferraarmi .

N 3
loading ...