Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 218
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0226
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0226
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
318 1» E T T E R E

ma è vero ancora, ch'egli ci entra per ìa
strada delle riflessìoni, non delle sensazio»
ni, ed è una reìiquia di un mondo che
più non esiste. Parrni, ch’egli sia una zer»
bineria dei dotti quel voler far sempre al-
lusione aile cose antichej come egìi è una
pedanteria deì mondo gentile quella tanta
frega delle sogge straniere. Ogni scrittore
dee stare , dirò così, nel suo paese e nel
suo secolo s ed ella può servir d’ esempio
anche in questo ; come fece a’ suoi giorni
ilTasso, il quale mostrò neì suo poema e
ne’suoi discorsi la convenienza del far ma*
teria della nostra poesia le cose nostrali e
moderne . Ma iì più de’ nostri poeti pare
non possano muover passo e formar silìa»
ba, se non hanno rìcorso alle cose greche
o romane . La madre Berecintia , V alrna
figlia di Giove, il domator Tirintio, ed al-
tre sifsatte divinità * che e’nicchiano ne’Io-
ro versi come intempio, fariano quasi cre-
dere , che noi siamo di un’ altra età, e
facciam tuttavia professione di paganesimo.
Ma egli è assai piùi faciìe ripeter queìlo
che hanno detto gli antichi, che invasare
il loro spirito . Queste tali belle parole ?

che
loading ...