Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 232
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0240
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0240
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
203 L E T T E K. E

occhi, e lo fa veramente vedere. II gioeo
della bandiera tra le akre cose , e il mi-
nuetto sono mirabil nente descritti. Io ho
letto il suo poema ai sigoor dottore France-
sco Zanotti, il quale ella sa quanto sia ele-
gans forniarum cesdmator, e ne lia recato
ii medesimo giudizio cou me : e lo stesso
laa fatto la più spiritosa dama che sia in
Bológna. lo me ne rallegro veramente con
la sua musa.

Aspetterò il catalogo de’ suoi libri mili-
tari , ch’ eìla mi promette ben presto , e
con esso la copia delia lettera del signor
di Yoltaire , che vedrò con piacere gran-
dissimo .

Alcune ore fa non era anccr giunto ii
signor conte diFirmian. lo auderò a visi*
tarlo, e ini piacerà sommamente di vede*
re in un gran ministro un uorno di lette-
re; cosa che fuori dell’Inghilterra s’incon*
tra così di rado.

La prego de’ rniei rispetti al principe
Trivulzio , e amadama; ed a credermi qual
con pienissima stima ho l’onore di rafser*
inarmi .
loading ...