Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 245
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0253
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0253
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IwEBlTE. 2/j5

domi clie per l’alta ssima che di "V. S. II-
ìustrissima dirnostra, e per Fantica amici-
zia che dice di seco avere, avesse qualche
diritto di possederlej Faltro ìo voglio per
me, e voglio meco portarìo aVienna. Ha
bensì letto alla signora contessa il capitolo
di sua lettera, che la riguarda, ed è stata
sensibilissima alla gentiìezza delle sue espres-
sioni.

II mio Cesare è omai stampato, non re-
standovi che la lettera dedicatoria all’arci-
duea , che per qual-che rnotivo sospendo
ancora di stampare . La mia partenza per
Vienna sarà circa ìa metà d’ agosto ; onde
per quel tempo ella ini prepari i suoi co-
mandamenti.

lo poi non so conie ringraziarla dell’estre-
mabontà, colla quale mi ha procurato usa
così favorevoìe riscontro dell’immortale si*
gnor dottore Zanotti ; la prego a volerlo a
mio nome ossequiare, e miìle tenere e ri-
spettose cose dirgìi __per un tanto savore.
M’ iramagino che iì padre Melzi ne tripudìe-
rà ; e tanto più che per una cattedra di
Pavia aììa quale aspira , ha tra suoi stessi
un partito contrario , che non risparmia,
O 3

raez-
loading ...