Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 250
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0258
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0258
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sl5o L E T T E R B

averne avuto risposta mi fa temere, che

siasi smarrita »

Mìa moglie mi fece a suo tempo avere
la giudiziosissima sua lettera sopra ìa cogni-
zione, che Yirgilio avea dell’arte militare.
Questo poeta ha in lei ua impareggiabil©
amico , e protettore . Ho laseiate ìe sue
belle lettere sopra i Russi nelie mani dei
principe Lobkowitz, che ha avuta ìa sorte
di conoscerla a Berlino, e che moltissimo
i’ama, ed onora.

lo sono impazientissimo di sentire cosa
ella pensi del primo tomo del mio Cesare.
II suo giudizio fìsserà Fopinione, che deb-
bo io stesso avere di questa , qualunque
siasi, fatica, e mi sarà un presagio di quan-
to possu sperare, o ternere de’tomi succes®
sivi o

Se mai il sìgnor generale marchese Spa-
da si trovasse ancora in Bologna, io ardi-
rei supplicarla di ricordarmegii vero , ed
obbligato servidore . Ella mi continovi la
pregiatissima sua benevolenza, e mi creda
quaie con tutto lo spirito mi fo gloria di

essere »
loading ...