Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 277
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0285
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0285
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D 1 T E .

277

D E L C O N T E

PAOLO BRAZOLO
VII.

Padova 27. aprile ìy/j-S.

L Yallisnierl con la nuova delìa vostra ve-
nuta in’ ha levato molto deìla gsan tristez-
za che suole occuparmi, ina con la vostra
iettera io esco affatto di malinconia. Dun-
que Algarotti ini scrive ? dunque Alga-
rotti mi chiama ancora suo amico ? Io so-
no così sfortunato in altro, che questa ca*
ra verità a rnom'enti mi sembra menzogna.
sJn zotico provincìale, un animal tardigra-
do e stolidamente pensoso, il quale. nulla
merita da voi, perchè lo stimarvi e Famar-
vi non è merito, ma efsetto di causa ; e voi
lo chiamate il vostro Brazolo dopo una se-
rie di preziosi avveniinenti che potevano
torvi dell’animo un Fontenelle se fosse vi-
Vo? E egli sorse questo un principio di lie-

■S 5 ta
loading ...