Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 278
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0286
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0286
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
378 L E T T E ìl E

ta sorte per me? lo temo troppo che egli
noa sia, perchè non mi dite nulìa deìia
vostra permanenza in questi paesi . E se
sapessi poi ch’elìa sarà lunga, che mi gio-
va? voi 110ii vorrete vivere a Padova; for-
se ancor poco a-Yenezia: or come tenervi
dietro ? Se la mia casa è meno povera che
prima > io son povero meglio che prima .
Ma di trenì hasti questo ; non è da voi
il sentirli, e prego non sia giammai, Forse
nè men i’Omero (1) sarà da voi. Desidero
nondimeno di saperlo dalla vostra sincera
bocca . Yallisnieri e Riva vi ricambiano
con pienezza di cuore i saluti, massime il
primo . lo poi sono impaziente d’ abbrac-
ciarvi e dirvi a voce, ch’ io sono.

(1) La traduzione di Omero dietro la quaie
stava lavorando ,
loading ...