Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 284
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0292
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0292
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,84 L' E T T E R E

Sentiì, se non isbagìlo , daìlo stesso sig.
Miinich , che V. S. potesse passar per
Augusta in occasione d’un viaggio alla cor-
te di Dresda. Siccome che mi dispiacereb-
be infinitamente di non poterla riverire in
persona dopo tant’ anni, che non ho avuto
l’onor di vederla, trovandomi per qualche
mese ancora con tutta la nostra corle a
Dilinga, così ardirei pregarla, che prose-
guendo il viaggio passasse ancora per que-
sta nostra città tanto più, che non uscen-
do di strada ella vedrebbe il nostro sere-
nissiino Principe , il quale per l’amore , e
per la stima, che ha verso tutti i cavaìie-
ri del di lei merito, non mancherebbe di
farle tutte le dovute distinzioni. II signor
canonico Bassi da lei ben conosciuto a Mi-
lano ed a Bologna in casa Piatta, trovan»
dosi anch’egli qui segretario intimo , e con-
siglier ecclesiastico di S. A. S. raìlegrereb»
besi infìnitamente al pari di me, anzi mi
ordina espressaniente di pregarnela a suo
riome , corae pure di farle i suoi umiìissi-
mi complimenti . Lusingandomi adunque
d’ aver questa grazia con tutto il rispetto
mi protesto.
loading ...