Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 307
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0315
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0315
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . Soy

cosicchè tanto più sien vere le proposizio-
ni, quanto più dì pienezza han le idee che
le compongono, e di attrazione analoga fra
di esse ; e i giudizj sieno diversi, in quan-
to che gli uomini elettrizzano diversamente
le loro idee » Io non ho imparato nulìa da
nessun metafìsico e nemmeno da questo ;
ritrovando tanta difserenza tra l’attrazione
de’corpi e questa pretesa dell’idee, quan»
ta ve n’ ha tra una cosa reale o propria ,
e un simbolo o un’immagine ; e tutto il
libro altro non mi sembra che una fìgura
rettorica o unametafora. Addio, amico ca-
rissimo . Dal mio ritorno di villa per 20.
amici non ho scritto tanto, quanto per voi
solo . Gli amicl vi riveriscono, e qui si par-
la di voi con raolta estimazione. Addio .

V 3
loading ...