Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 310
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0318
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0318
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3x0 1/ E T T E II E

durata dei re di Roma in cui, come in
tutte le altre occasìcni procurerò di sarle
cgni doyuta giustizia . Se elia adunque xu
avvenire avesse quaìclie notizia o altro da
comuniearmi, la prego sario, e con ciò dar*
mi mano ad onorare la beila patria nostra .

lo nou so se le sia giunta mia rnia, che
sino dal principio d’ ottobre le scrissi , in
cui le raccontava i mieiguai, giacchè V. S.
coxtesissimamente me ne diede la perrais-
sione » Gaso che si, io a quella dei tutto
mi rapporto, e le rinovo umiimente le mie
preghiere , assicurandola , che moltissimo
neìla di lei cortesia consido. Ella non può
credere quanto animo xn me cagioni que-
sta sp.eranza . Io cerco occasione di raan-
darle il nuovo trattato dei fulmini del sig.
marchese Maffei , suppostc che non lo
abbia d’ altronde ricevuto . Spero , che le
piacerà, perchè è assai bello . E uscita co-
me saprà le scorse settimane la terza par-
te del secondo tomo degli atti del nostro
Instituto , Persuadendomi, che rare voìte
le giungano costì versi italiani , elìa mi
permetta ohe le trascriva qui la versione
che i giorxii passati feci di un’ode d Ana-

creon-
loading ...