Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 330
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0338
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0338
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

DEL MARCHESE

SCIPIONE MAFFEI
XX.

Verona 16. settembre iy5i.

TProvandosi qui il sig. Romani, tenore
eccellente, e partendo luì perBerlino, mi
parrebbe inconvenienza grande ii non va-
ìermi di tal occasione per ricordarini ser-
vitore al sig. conte Algarotti, cli5 io soglio
ricordar sempre, quando si tratta di quegb
Italiani, che tengono vivo ancora il nome
della nazione, e che fanno anche suor d’Ita-
lia conoscere ciò che può ii nostro inge»
gno, e il talento. Veramente mi piacereb-
be assai, che alineno ogni due anni venis-
se a dar qua una corsa , e a lasciarsi ve-
dere, e a portarci qualche frutto dei suo
bell’ingegno, per darlo fuori. E come la
passa il signor Voltaire, nei quaìe cotesto
incomparabil re ha satto onore all’arte del-

la
loading ...