Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 331
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0339
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0339
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedìte, 53i

la poesia, che per altro è a terra? E che
fa il sig. Maupertuis, del quale ho sempre
avuta stima si grande ? Elia ha un gran,
vantaggio nel godere compagnia cosi invi-
diabile ; ma rnaggiore di molto nel conferi-
re, e nel confabulare con uno spirito uni-
co a’ nostri giorni , qual è quello di S, M.
lo son caduto non voiendo nella teologia,
ch’ è im abisso . Per isvagarmi feci una
commedia, che le mando, perchè si diverta
un’oretta. Mi riverisca li due sopraddetti ;
e mi onorx della sua grazia .
loading ...