Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 336
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0344
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0344
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
335 L E T T E R E

la vedere due anni sono, quando V. S. II*
lustrissima passò perqua, e per motivi giu-
stissimi non s’ avanzò iino a Golorno . lo
mi sono ingegnato di giustificarla su ciò ;
ma pare che non rirnanesse assatto paga di
tali scuse . Yorrei che ciò generasse quai*
ohe rimorso nella coscienza di V. S. Iììu-
strissiraa , rimorso , che ne la inducesse
a fare la penifenza dell’ omissione passa»
ta , e a rallegrare, e beare S. A. R. col-
la dimora di qualche giorno in Colorno ;
tanto più che ciò sarebbe ancor caro a
madamareale, che quasi nel tempo stesso
dal conte Sanvitali avea ricevuto Tistesso
dono con segrxi di sensibilissimo gradimen-
to, accresciuto dalì’informazione datale di
Y. S. Illustrissima da S. A. R.

lo poi son tenuto a ringraziare V. S. IR
lustrissima per due titoli, l’uno per l’ono-
re ch’ella m’ha dato di presentare a S. A. R.
sì pregevole dono , Y altro per Ia copia de-
stinata per me, e di cui ne ho fatto già
uso ìeggendola la seconda volta ( avendola
già letta un’altra nelìa prima edizione), e di
cui ne farò ancora leggendola di bel nuovcu.
Tutto mi piace > e rargomento , e le ri-

sses-
loading ...