Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 352
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0360
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0360
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
55:2 L 'E T T E H K

e dame, e cavalieri, ed ogni persona di
lettere , co’ quali celebro , e magnifìco il
profondo saper suo tmiversaìe , e la sua
conversazione sopra quante ci narrino mai
briìlantissime e ingegnosissime di Fontanel-
le, e di Voltaire. Anzi le sì man cose ho
ìo detto di lei a questa eccelìentissima sig.
cavaliera Capello, e tal calda voglia le ho
messo nel cuore di conoscerla di persona,
che per mezzo rnio ìe manda ella i più
servidi inviti a voler fare il viaggio di Bre-
scia ; e a pur alìettarnela le spedisce qui
inchiusa una sua canzonetta da lei compo-
sta la settimana passata. Venga; e ne farà
allora , gliel'assicuro, un’altra di sentimen-
to afsatto contrario . Ciò ancora bramano
assai il marito di lei incomparabile cavalie-
re, monsignor Molino elegantissirao preìa-
lato , e amante molto degìi uomini di sa-
pere ; ciò iì conte Mazzucchelli, il cavalier
Duranti, il marchese Carlo Archetti ; tutti
quei , che niente niente sanno . Avrà qui
tante carezze , quante in Parigi, in Lom
dra , inBerlino, in Pietroburgo . Ed a pro-
posìto, che belle lettere ha ella mai scrit-
to di quel suo viaggio ! Mai non ho io viag-

giato
loading ...