Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 371
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0379
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0379
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
llsXDtTSt- 3ji

sig. Sibiliato p, 5. T. XIY. intorno clue Iuo>
ghi deila Georgica. Ebbi F onore nelìo scor-
so maggio di leggere a S. A. R. iì saggio
di quel mio sistema storico politico , e la
soluzione sudcletta. Anco allora compresi
in quanto graride stima questo gran princi-
pe tenga V. S. Illustrissima . Fui tentaio
più volte pubblicarne a parte lo scioglimen»
to, ma il tirnore d’essere stato prevenuto
da altri , e speziaìmente da chi più è in
dovere, mi ritenne sempre . Senza che e
chi rneglìo di lei medesima avrà a se stes-
sa satisfatto aquest’ora, e scoperto in que-
gli stessi luoghi due stupende bellezze ? For-
ti motivi sembrami altresì avere di crede-
re, che allorchè franco ardio consecrare a
Caton Virgilio un 'verso, il Catone non fos-
se il vecchio da lei mentovato aparte, ma
l’Uticense. Oh fosse qui più copia di libri,
più d’uomini, e meno inopia di stampato*
ri ! Pendono interrotti ?arj miei lavori ? mas-
sime per non avere un uguale a V. S. II-
lustrissima con cui conferire, da cui impa-
rare, secondo cui correggere, ovvero sop-
primere . Ma questo uguale a lei eddove
irovario? Non è ineno impossibile, che il
À a 2

rm*
loading ...