Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 381
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0389
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0389
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 38i

libro è nata in Italia, e che veggendo ed
udendo lodar la porta del detto cardinaìe,
gli diede eccitamento ad idearne sino al
numero ditrenta. Diede poi compimento a
mio credere a questo libro sesto in Fran-
cia, con l’aggiunta delle altre venti porto
di forma dilicata. Osservando la prima por-
ta del libro stesso, corae si rile^a dalla de-
scrizione di essa, è quella fatta pel soprad-
detto cardinale: grande licenza vediamo in
questa face-ndo le colonne di nove diame-
tri, abbenchè d’ordine toscano ; ed avendo
cìò fatto certamente prima di andar in Fran-
cia, colà non poteva averlo appreso .

Nel principio del proemio alle porte stes-
se non devo tralasciar di far riflettere ciò
che dice per aversi preso tali Iicenze » co»
3) noscendo che la maggior varte degli uo~
o) mini appetiscono il più delle volte cose
« nuove «. Sicchè ciò non soìo a Bologna
o alla Francia, ma a ìui stesso si può attri-
buire.

Certo però è che iì« voler giudicare che
Boìogna fosse corrotta nel buon gusto deìF
architettura, perchè tale fosse il Serlio, e
perchè Bolognese, non è bastante prova ;
loading ...