Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 382
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0390
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0390
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
38a t E T T K R E

ma non è altresì fuor di ragìono iì giudt-
car del genio di un paese, da quello che
si scorge ne’più eccellenti maestri che fio-
riscono in esso .

Questo è quanto sopra tal questione mi
è caduto in mente in mio favore ; non avrò
però dlispiacere, se ella non resterà pago ;
mentre facendo io alsa stirna di Bologna
tanto benemerita ed illustre nelle scienze,
mi sarà più gradevole l’accrescerle merito,
anco a costo mio , che il diminuirglielo
benchè in minima parte .

Faccia la prego comune questa mia let-
tera al signor conte Gasali riverendolo in
mio nome , a cui sono debitore di rispo-
sta in tal particolare, e saccia pure ch’egli
senta ìa di lei decisione, alla quale mi per-
suado volontieri vorrà acquietarsi, ed avrà
in buon grado che io abbia scielto un tan-
to giudice ; io la aftenderò con tutto suo
comodo .

Non vorreì essere stato troppo prolisso,
ed a somiglianza di quello che per secon-
dare iì proprio genio iungamente stassi coa
la persona arnata ad onta di annojarla, mi
avessi perciò abusaso della sua sosferensa
loading ...