Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 389
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0397
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0397
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
lìtÈDiTEi 5Bg

Primo pittor delle memorie anliche ,

di cui a ragione ebbe a dire il gran Boi-
leau, cbe

Tout recoit dans ses maìns une nouvelle grace;
Par tout il diverdt, et jamais il ne lasse.

Nè credesse gìà alcuno , che in queste
mie noterelle io avessi in animo di mor-
der la fama d’un letterato sì iliustre ; ch’
io anzi mi dichiaro di professarne tutta ia
stima, e son persuaso che gli abbagliamen-
ti da lui presi derivino piuttosto da non
giusta rissessione sulle opere di Omero , che
da imperizia, essendo noto a ciascuno quan-
to avanti sentisse quell’uomo dottissimo nel-
la greca ietteratura, e per aitra parte, co-
xne poco a tornar sulle stesse cose ei si
studiasse. Acciocchè dunque veggiate quan-
to io sia lontano da ogni critica pedante-
ria , non voglio già metter in conto certi
difetti che saltano agli occhi di tutti, co*
me buon numero di versi che rasentan la
prosa ; altrioscuri, e pieni di stento e du-
rezza ; e parecchi ancora senza misura : giac-
chè ingenuamente confessa egli stesso aver
B b 3

sem-
loading ...