Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 393
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0401
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0401
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . 3g3

facente, cliiamandosi anche Minerva, che
ha questo aggiunto Knìri;, che presiede aìla
preda , da Omero, e oxvKvrpiet, spogliatrice,
da Licofrone : oltrechè essendo i’una di-
scordaote dalPaltra , l’averle voluto in.sie-
me unire arguisce men che retto discerni-
mento nel traduttore . Ma se non avesse
ciò fatto, gli sarebbe mancata una troppo
bella occasione di scherzare su l’etimologie
deile parole, di cui egli si mostra sempre
tant’ avido , e che cerca non solo di far
saitar fuori in Omero , ma anche quando
che può , ne’suoi per altro eruditissimi di-
scorsi accademici ; le quaii però quanto
male si tolìerano nella prosa , per render-
la cascante anzi che no ; aìtrettanto riesco-
no insoffribiìi nella poesia, massime in un
traduttore , il cui ufiìcio si è dì sernpre
star fisso ne’vestigi altrui.

Nè ini si dirà i’avere ii Salvini ciò be-
nìssimo preveduto, usando in più luoghi il
vocabolo di predatrice; poichè sì dicendo,
anzichè minorare il delìtto, si verrebbe a
costituirlo vieppiù maggiore. Yoi già sape-
te essere stata usanza presso de’ Greci il
prefiggere a’ nomi degli eroi certi caratte-

ristici
loading ...