Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 421
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0429
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0429
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ikebite. 4.21

ìcxl xirò ?y/dicr(piv ÌKvaaTo ksì'Òv ìsActvrx ,
otoikIkov • eV#* <Tg or StKxTVpix nrxvrx riruxro-
ivd' irt (xìv (ptKÓrnr, eV S''ìstipos, iv S''òxpicùs,
<7rxp<px<ns i-T iv,Ki-\-i vóov 'iruxx orsp rppovióvrw .

Sentite ora come dessa, che imitò altre-
sì il Tasso nel dar corpo al mirabil cinti-
glìo cli Àrmida, si volti dal Salvini.

JJisse, e dal petto sciolse il bel trapunto
Cuojo, isigegnoso storiato e noago ;

U’ lavorati sòn tutti i suoi vezzi,

Ji V attrattive tutte e leggiadrie ;

Ove è V amore il genio il favellìo,

La consolazion colla carezza,

Che ruba il senno ai savj ancor pià grandi.

Voi subito direte che questa copia, seb-
bene infìnitamente inferiore al suo model-
lo, pure meritar potrebbe alcun posto d’
onore , se più da vicino irnitasse l’attica
brevità dell’originale, e ci porgesse un’idea
più giusta dei orxppxmsche in rigore non
vuol dire

La consolazion colla carezza,

Dd 3

ma
loading ...