Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 425
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0433
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0433
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E 2> 1 T £ « 4a5

Lo stesso sì osservra nel diciannovesimo in
quel

hs òépis sV/V àvùfe, >]r àvS'pcèv, vè'i yvvaiKCùV,
voltato alla stessa maniera dal Salyini,

..... corne è dritto, o sire, d1 uomini
e donne .

E così voi dite di moltissimi altri che rx-
soontransi ne’ due poemi, che tralascio per
brevità .

Se dunque ha il genuino senso asferrato
negli altri luoghi, non so poi perchè in
questo siasi tanto dal medesirao alìontana-
'to. Nè io mi persuado già essere così fa-
cile il potersi da alcuno rinvenire autorità ,
che favoreggino questa sua bizzarra inter-
pretazione. Da altra parte lei ammessa, d'
un rettissimo ed urxico senso compreso in
quei verso :

Ylpmrtx P iyàv tmaxv Trapvrogsu, >> Séyus iri .

In prima co detti miei gli tenterò , come è
giusto, due se ne formano :

Prima co detti iniei faronne prova 3
E alla maniera usata tenterogli ;

i cpia-
loading ...