Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 440
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0448
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0448
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
44° L E T T E R E

argoraenti, e trattarsi tutti con proprietà,
e senza ricopiare il già detto, Gran felici-
tà d’ingegno, e di studj ! Non mi dilungo
in più lodi, perchè non ho tempo» Intan-
to que.sto discorso gira per Napoli, e Dio
sa se il ricupererò : ma vi è queìlo del Ge*
novese , per potersi stampare unito all’al-
tre degmssime vostre opere » Io non ho
avuto ozio di riscontrare ciocchè vi ha scrit-
to questo professore intorno aPolibio; ma
son sicuro, che la cosa sia diversa da quel
che questi ha pensato, sapendo io quante
volte avete letto voi tale storico ; ed atteri-
do ciocchè risponderete , ed ho lusinga
che rimarrà convinto , In quanto alla stam-
pa vi dico, perchè no sono appieno infor-
mato ; essa si prosiegue con lentezza con
dispiacere universale : perchè noo solamen*
te Fopera è desideratissima, ma altresì ,
che riesce sì beìla per lo caratteie , carta
sceltissima e giazioso sesto, ma più per !a
correzione ed ortografìa più rigida, ma noa
assettata, ed assicuratevi, che poche stam*
pe si son vedute così. Se il sig= Altimari
verrà presto, corne si sente, si darà mo-
to a tal faccenda. Ma sento con alto dis-

pia-
loading ...