Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 441
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0449
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0449
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N- E D I T E • 441

piacere , ehe ìe copie sieno sì scarse » e
non più di 370: e come si satolierà la bra-
ma di tanti ? io non comprendo tale eco^
nomia, ed iì motivo di tanta aridità di co~
pie. lo già corressi iì greco ed è riusci-
to bene: brieve revisione ho fatta sull’ita«
ìiano raccomandato ad un mio discepolo ?
a cui ho fatto sare un tirannico studio so-
pra ìa piìi fina ed ammessa a’ tempi nostri
ortograha ; onde vivete contento delì’edizio-
, anzi contentissimo , Ma quando si ter-
minerà ? a ciò io nou posso darvi nè ri-
rnedio, nè ajuto, Ecco tutto ciò che vi
posso dire intorno aìla stampa con sinceri-
tà di antica fede greca. Yi ringrazio , ch©
mi avete procurata risposta da cotesto pre-
lato m. Passeri, che è veramente lume deì*
la nostra Italia, ed è forse l’unico , cha
sa con pienezza d’erudizione il mondo an-
tico . Quanto io ìo stimo ! A lui ho trasmes»
si moìti fogli di notizie letterarie ed altre
bagattelìe . Se avete vaghezza di leggerle s
vedrete rudem indigestamque molem di co~
sacce pessimamente scritte , e continui miel
piagnistei; ma ne ho ragione. Potrete al«
Jresìdirglij che yi conlìdi quellacosa, che

coa
loading ...