Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 443
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0451
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0451
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ISslDlTSs

443

D E L C A N,

LAZZARINI

XXXVII.

Pesaro 4> luglio 1761,

INIqn potrei appieno spiegare a V. S, II-»
lustrissima quanta itnpressione abbia lascia-
la neli’animo mio quel tratto di gentilez»
za , con cui elia si compiacque di farmi
conoscere nella celebre di iei persona uno
de’più eruditi e colti spiriti 3 cbe recan
lustro al nostro secolo. Sin da allora mi la-
gnai dentro me stesso della disgrazia di non
aver alla mano alcuna delle mie , per altro
sempre deboìi pitture , che senza un pie-
uo e total rossore avessi potuto presentar^
!e, per darìe alinen segno , che io inten-
<dea benissimo in quarito pregio doveass
da me tenere un tanto onore , Compensò
però in qualche modo questo mio ramma-
l'ico iì piacer disentire3 ch'ella avesse mo-

strato
loading ...