Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 78
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0086
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0086
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
<78 L E T T E n Ê

barbaro potrebbe mai dimeoticarsi di tanti
vezzi, e del vostro bell’i-ngegno ? Avete gna»
dagnato più d’ un cuore in Francia, tra gii
Alemanni, e sotto il Pulo. Oh quanto fa-
te bene addesso di passare i vostri bei gior-
ni a Yenezia, quando tutta l’ Europa è paz-
za da catena, e che la guerra fa un cam-
po d’orrore di tanti reami. II vostro re di
Prussia, che non è più il vostro , ha b&t-
tuto atrocemente i vostri Sassoni 5 il nôstro
re ha rintuzzato l’intrepido furore degl’Iii-
glesi, e mentre che ia tromba assorda tut-
te le orecchie,

------ Tu Titire lentus in umbra

Formosam resonare doces AmarilUsla iacus,

Aspetto coîla piu viva impazienza la vita
di Giuiio Gesare , ia quale ho sentito che
avevate scritta : II soggetto è più grande ,
e più interessante che quello deila vita di
Cicerone, che ha plgiiato Middleton. Vi
prego di dirm; quando la vostra beü’opera
uscirà in pubblico .

Emilia è sempre internata nei profondi *
e sacri orrori di Newton ; io sono costret-
to di fare corone di fiori pel mio re s ë

di
loading ...