Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 87
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0095
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0095
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D ï s £ i By

insusfîcienti . Tosto che avrô risposta da
Varsavia non mancherô di comunicarvela .
La mia raccornandazione è ben debole, ma
chi non ardiria raCcomandar checchessia fa-
cendolo a nome di una Châtelet e di un
Voltaire? Voi dovreste a quest’ora aver ri-
cevuto un’ esempiare del mio neutonianis-
mo e alcuni versi che vi mandai già per
mezzo del sig. d’Aubigny, e riceverete in
breve dalla signora duchessa di Holstein un
Congresso di Citera molto più iimato in que-
sta novelia edizione ch’ egli non era nelia
prima. Ii giüdizio vostro sarà norrna dei
mio . Se io piaccio a voi, ayrô certamen-
te a ragione di che piacere a me rnedesi-
mo . Hoc opus , hic labor, che Apollo ti
voglia dare un luogo in Parnaso . Daterne»
ne uno almeno nelia vostra memoria, che
io ii merito certo per la rivereuza in che
io tengo ii principe de’poeti, e il facitor
sovrano di cose belie . Amatemi e erede-
temi per sempre,
loading ...