Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 91
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0099
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0099
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

9*

D 1

ALGAROTTI

XII.

Dresda 11. decembrs 1746°

3e cosa alcuna al mondo dee farmî îeva-
re in superbia, ella è la vostra lode, e se
vi è un caso da dover facilmente ottenere
l’assoluzione di tal peccato, egli è senza
dubbio questo. Di quai dolci tentazioni non
è mai piena la vostra lettera de’i3. del me-
se passato? II mio neutonianismo, del qua-
le voi degnaste parlare con tanto elogio pri-
ma ancora ch’e’fusse pubblico, ha dunque
trovato anche novellamente grazia innanzi
a voi? Sublimi ferio sidera vertice. Ma ben
spero ch’egli sarà meno indegno ditanto,
quando io avrô iinito di limarlo e di ar-
ricchirlo, come vo ora facendo . Voi, caris-
simo sig. mio, ne date l’eseinpio , insieine
çon Virgilio e con Orazio confratelli vo-

stri,
loading ...