Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 102
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0110
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0110
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
102 L E T T E R E

dora , nè il yolume a voi indirizzati non.
yagliono otto scudi. Ma, caro signore, un
cosï esorbitante prezzo è una violazione ma-
nifesta juris gentium.

II nostro intendente delle lettere, e dei
postiglioni , il sig. della Reiniere Fermier
général des Postes de France ; par le mo-
yen du quel one wafts a sigh from a pole
to an-other, avea per certo munito di suo
sigillo, ed onorato della bella parola , Fran-
co, il tedioso, e grave piego. E cîii non
sa quanto rispetto si debba portare al no-
me di la Reiniere, ad un uomo, che è il
più ricco e il più cortese de tous les Fer-
miers généraux. Ma giacchè al dispetto del-
îa sua cortesia , e della stretta amicizia ,
che corre fra le due corti, li signori della
posta di Dresda ci hanno trattato come ne-
anici ; tocca al librajo Walther di pagare
gli otto scudi , e gliene teri'd conto . Per
tutti i santi, non burlate, quando mi di-
te, che le cose mie vi giungono molto ca»
re . Mandero quanto prima il tomo della
Henriàde pel primo corriere. Farewell great
and amiable man. They say you go to Pa-
dua : you should take your wav through

Fran-
loading ...