Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 105
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0113
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0113
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E T> I T E .

io5

DEL M E D E SIM O
XVI.

lo sono ira p©co casalingo e pigro, inio
caro Conte . Yoi sapete qual sia il cattivo
stato della mia sanità . Non ho gran cura
di fare otto miglia per ritornare alla mia
cella. Aspetterô dunque il mio gentil frate
nel nostro monastero ; e quando egli avrà
disposto clel pomo in favor della polputa
Yenere Astrua, o quando avrà goduto ab-
bastanza i favori della sua Elena ; quando
avrà veduto tutte ie regine , tutti li prin-
cipi, e tutti quanti, ritornerà piacevolmen-
îe a noi poveri romiti, ritornerà ai suoi
dotti e leggiadri iavori, a quelle ingegno-
sè ed istruttive lettere, clie faranno l’onor
,della bella Italia, e le delizie di tutte le
nazioni, Yi bacio di cuore le mani,
loading ...