Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 106
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

îoS

D E L M E D E S I M O
XVII.

Ecco il vostro Du Bos. Quando potrô io
dire in Potzdam, ecco il mio caro Conte,
ecco la consolazione della mia monastica
vita? Vi ringrazio pel vostro libro, per tut-
ti li favori vostn , e specialmente per la vo-
stra lettera sopra il Cartesio. Le gros abbé
Du Bos è un buon autore, e degno d’ esser
letto attentamente. Non dirô di luij

Molto egli oprà col senno , e collo stile :

II senno è grande , lo stile cattivo ; bi-
sogna leggerlo ; ma rileggerlo sarebbe te-
dioso . Questa bella prerogativa d’esser spes-
so riletto , è il privilegio dell’ ingegno , è
quello dell’Ariosto. Io lo rileggo ogni gior-
no , mercè alle vostre grazie, Addio, mio
Cigno del Canal grande, yi amerô sempre,
loading ...