Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 114
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L £ T T E R E

ALGAROTTI

XXII,

A Bologne ce 3o. mai 1768.

xtal più amabile corriere potrei io de-
siderare dell’amabilissima , e spiritosissima
signora contessa di Bentinck? Ella non fa
che passare per l’îtalia, ed ha la maggior
fretta del mondo per giungere tra li Syizze-
ri. E non meraviglia . Gotesti Svizzeri han-
no nel seno loro un Voltaire . Possibile che
in suile porte deli’ Italia non gli venga va-
ghezza di visitare i mpnumenti e le reli-
quie del superbo impero? 111a possibile, di-
rà egli più tosto e con ragione, che essen-
do io suüe porte d’Italia, la leggiadra gen-
te d’Italia, quantum est hominum venustio-
rum non venga in pellegrinaggio aGinevra?
lo vi ho fatto spedire mesi sa uno esem-
plare di varie mie operette che hanno stam-
loading ...