Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 128
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0136
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0136
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
128 L E T T E R E

divino Voltaire ! Ho veduto uovellamentè
l’amabilissimo abate di Saint-Non che vi
avea veduto alla deliziosa vostra villa > do-
ve per Dio vi vedrô un giorno anch' io „
Mi ha detto * che presto ne darete la sto-
ria del czar Pietro . Oh bella opera che
sarà questa ! Mi ricordo avervi udito dire
una volta : Charles XII. a été mon sujet ;
le czar Pierre est ?non hèros. Lo farete di-
venire senza dubbio anche il nostro. E quan-
do lo vedremo ? Non vi so dire con qual
premura io abbia già dato commissioni per
averlo subito ch’ egli uscirà > e con quale
avidità il leggerô . Quanto vi ringrazio che
abbiate realizzato la idea di Addison, e ab-
biate cosi spiritosamente dipinto l’ ottimis-
tao. Mon Dieu ! que cet ou vrage est char-
mantl Sarete assai contento della traduzio-
ne italiana della vostra Semirasnide, che ii
signor Albergati vi ha mandata . Voi siete
in italianose non cosi forte e nerboruto
come Voltaire, simplex munditiis come la
Pirra di Orazio. Gerto che la traduzione è
pura s elegante, e poco o nulla sente del
francese.
loading ...