Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 129
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0137
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0137
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ï N r. D ï T E . i 29

Spero che a quest’ora vi saranno giunte
le mie operette, alle quali voi avete fatto
onore grandissimo desiderandole. Io avrei
alcune altre cosette da spedirvi . Indica-
temi quale strada potrei tenere per farlo
col più di prontezza e di sicurezza che si
potrà.

ÀvYete avuto a qnest’ora la traduzione
del vostro Cesare. 11 sig. Paradisi mi scri-
ve avervela spedita; e mi scrive altresi che
voi graziosamente gli dite in una lettera
vostra, che vi fate lecito di anteporre a’
eastrati e a’ loro trilli i virtuosi che hanno
c.,... e buon gusto. Yoi avete ben ragio-
ne ; e il torto lo abbiam noi. II migliore
spettacolo che abbiamo avuto da lungo tem*
po in Italia ce lo ha dato un principe fran-
cese la scorsa primavera a Parma : l’ opera
di Aricia e d’ Ippolito vi trasse un concor-
so grandissimo di persone : e fu forza il
confessare, che la nostra opera è solitudi-
ne seccaggine ec. ec. Mi piacque senza fi-
ne ii vedere che le mie idee sopra l’opera
in musica non furono aeree, e che la mia
voce non fu vox clamantis in deserto.

To: XVL

ï.

Mi
loading ...