Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 411
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0419
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0419
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

4ii

D E L C O N T E

A L G A R O T T I

VIII.

Eologna i5 Ottobre iy56.

Âssai tardi mi giutise la lettera sua cîi-
retta a Venezia ; nè già ella mi sarebbe
potuta mai giunger troppo presto . Tanto
è pieua tli gentilezza e di grazia, . E' un
fedeie ritratto dell’ amabilissima Dama che
l’ha scritta. Mi rallegro senza bne di noa
aver dispiaciuto a cln sa tanto piacere . Ma
quando vedro io ii suo poeina , e i’ arnabi-
le Poetessa? Quanta invidia io porto ai si-
gnor ambasciatore nostro al quale è dato di
poteria vedere, e udire in cotesto splendor di
Parigi? La prego dirgiielo in mio nome . Ella
duncpie, madama, ci vuol trattar delpari con
l’ Inghilterra , e vuol venire a vederci. Bi-
sognerebbe che tornassero in vita i Tassi,
e i Petrarchi per yenirle a far ricevimen-

to .
loading ...