Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 16): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-16]

Seite: 415
DOI Seite: 10.11588/diglit.28094#0423
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd16/0423
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E B I T E .

ehe qui a ricevere appîausi per ii beliissimo
cuo poeina, che è stato ammirato cîa tanti,
sicchè mi veniva îevato dalle mani a gara.
lo avro 1’ onore di farle corte qui , e re-
putero quasi perduto tutto cpiel tempo che
io îa starô aspettando. Vegga intanto se io
vaglio a seryirla in cosa alcuna e tenga per
fermo che niente al mondo mi potrebbe
più piacere quanto clarle contrassegni della
infmita stima e deî profondo rispetto con
cui ho l’ honore di rafsermarmi.

■¥• o * o * o * o v o ¥ c ¥ o ¥ c ¥ o ¥ o * o ¥ o *

DELLO STESSO
XI.

Bologna 18 Giugno

io fo pîauso a me medesimo di esser di-
venuto confrateîîo suo nell’Accademia delle
Scienze di questo Instituto .

La eîezione fu fatta giovedi passato per
acçlamazione, e su perpiô convocata una

cstraor-
loading ...