Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 16
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i5

L E T

T E R E

D E L C O N T E

ALGAROTTI

XXI.

Bologna 2,3 Ottobre iy5g.

Che il buon senso sia pure la sua busso-
îa ; e nulla tema nella sua navigazione. Se
ii primo suo offizio è cli farci ben cono-
scere noi medesimi ; esso la dee pure rap-
presentare a se stessa come la più amabi-
le, la più spiritosa persona clel mondo ;
quale la veggiamo pur noi. Io le rendo le
più vive grazie de’ leggiadrissimi suoi ver-
si a’ cjuali rispondo in questa umile e di-
messa prosa.

Ho scritto a Yenezia percliè le sieno
trasmesse quattro copie de’miei versi, che
ban trovato tanta grazia dinanzi a’ belli ed
eruditi occhi suoi. Ho anclie scritto, che
vi aggiungano clue copie di una mia epi-
stola in versi, che io scrissi altre volte a
Dresda, e che ho ultimamente rotondeg-
giata e pulita. Mi stendo un poco in que-

sta
loading ...