Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 26
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0036
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0036
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
£6 L E T T E a E

Noi abbiamo qui il marchese Monti non
bene ancora riavuto dalia grave ferita ch’
egli ebbe a Munden.

La marc. Spada, e la rnarc. Scappi con
cui spesso io parlo di madaraa du Bocca-
ge, ii fiore del sesso e della Francia, mi
hanno imposto di farle miile e mille com-
plimenti. Possibile che cotesta pace non
venga una volta coi belio suo ulivo in ma-
no a rallegrare il mondo ! Io la desidero
più che altri, perchè ella mi ricondurrâ
in Francia. Abbiarao avuto qui questi pas-
sati giorni il sig. di st. Non consigliere
del Parlamento, che mi ha recato lettere
:li m. Mariette e dell’ab. Morellet. Egli è
un amabilissimo gentiluomo, conoscitore e
posseditore delle belle arti al maggior se-
gno. Mi ha donato alcune stainpe del suo,
che sono intagliate con un sapore e con
uno spirito grandissimo. Ijn certo le Prin~
ce pittore di paesi ha egli molta riputazio-
ne in ParigiP Io spero di tornare in cote-
sto centro delle belle arti, e del buon gu-
sto, non cosï ignorante, com’ ella mi tro-
vo al suo arrivo in Italia. La mia scienza
io la doyro primieramente a lei, madama;

e a
loading ...