Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 36
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0046
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0046
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
56 Lettere

dirïe. Questo so bene che l’esemplare chs
io ne ho fu sempre da me custodito sotto
la c.hiave, e che non l’ ho mai fatto vede-
re a persona che io non vi fossi presente :
del che ella medesima se ne puô ricorda-
re. La congettura ch’ ella fa mi pare di
tutte la più probabile ; ciô è che 1’ esern-
plare di Maupertuis dopo la morte sua
abbia potuto servire di testo ali’ edizioni
che se ne son fatte. Non mi maraviglio
niente del resto dell’ avidità con cui vien
letto dal pubblico. II giudizio ch’ella, Mu-
sa Francese, ne ha fatto, piacerebbe gran-
demente al P*e ; ed io son tanto buon cor-
tigiano che ben îroverô modo a farglielo
sapere.

Quante grazie non debbo mai renderle
delle tante brighe ch’ ella si dà per li due
ultimi volumi 6 e 7 dell’EncicIopedia, che
mi mancano ! Quel benedetto viglietto di
sottoscrizione che si era mandato dal Bon-
net a Parigi, si è smarrito. Ricevetti jeri
lettera da m. du Tillot, il quale mi scrive
che quel viglietto si troverà ; ma intanto
esso è perduto. Ho pensato di scrivere il
qui ingiunto yiglietto a m. Bonnet, ch ella

avrà
loading ...