Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 43
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0053
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0053
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÏNEDtlTE. 43

Tiepolo. Se dopo averla letta la crederà
degna anch’essa? che ne faccia nienzione
il giornale, mi farà grandissimo piacere a
farveia inserire. Grandissimo piacere anco-
ra mi farebbe a dichiararmi cosa sia quel
motto di Freron sopra le mie riflessioni
morali ? ch’ ella ha veduto ne’ suoi fogli.
Ella mi fece già Fonore, madama, di man-
darmi un quinternetto dell’ Année Litterai-
re dove egli parla delle mie epistole in
versi; nè ivi non mi pare? che ci sia nul-
la, che risguardi la morale. Ci è bensi
una critica di un, rnio pensiero ch’ egli ris-
guarda come un concetto italiano, nel che
io credo ch’ egli abbia il torto . Ma ciô
nulla importa. Sarà adunque qualche altro
foglio dove egli parla di rne; ed ella raet-
terà il colmo agli obblighi miei, se mi
vorrà mandare ancor questo. Quello che
nelie relazioni delle cose mie mi piace il
più si è, che col mezzo loro la Francia
non sarà meno instrutta che lo sia F Italia
dell’ omaggio che io rendo al soVrano suo
ingegno. lo ho per le manî alcune lettere
sopra varj soggetti di erudizione, ed alcu-
ne di queste io mi farô lecito indirizzare

a lei
loading ...