Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 53
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0063
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0063
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E i» I T E -53

gere. Oh quanto rai sarà caro il giudizio
sub. e quanto îo desirlero aricor esso ! La
prima edizione non deve esser altro che
varie copie del manuscritto da distribuire
agli amici, de’quali si voglia sentire il giu-
dizio: e a forrna di questo far poi una edL
zione del libro. Ella e m. Bernard mi aju-
tino adunque a fare un buon libretto di
questo mio Orazio. Se dopo letto ella lo
troverà degno cb^ se ne faccia motto nel
Journal Rtranger o altrove $ mi farà som-
ma grazia di farne irrserire F estratto. Quaî.
cosa bella stà elîa ora tessendo, della qua-
le arricchire dipoi la sua nazione ed il se-
colo ? Me ne faccia parte, ed io non sarè
all’ oscuro di cio che vi ha di più impor-
tante nella Ietteratura francese. Le Paisse
à Paris, et le pauvre diable avranno, son
sicuro, fatto grandissimo strepito a ParL
gi, e silenced bhe fire of tlie ennemis. EI-
la degni instruire un pauvre diable, che
è nella Siberia della letteratura, e che per
non morir di noja va pei deserti a caccia
di qualche martoro, ma a cui non riesce
mai di prendere un zibellino-

D 3
loading ...