Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 55
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0065
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0065
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÎNEDITE. 55

possono non sare torto agli uoinini di let-
tere dinanzi agli occhî ded pubblico . Non
ho per ancora potuto vedere la commedia
des Philosophes, ch.’ è stata cagione di tan-
ti scaudali.

E vero che si continua l’Enciclopedia ;
raa che non si darà più fuori torno per
torao , ma tutta in una volta?

Si dice qui che d’ Aleinbert abbia ac-
cettata la Presidenza dell’Accademia di Ber-

lino. Ella mi dirà se io debba veramente

/

felicitarnela di avere un capo che tanto le
aggiungerebbe di splendore.

Ho ricevuto ultimamente una lettera di
Yoltaire piena di vivezza, e di grazie, ben-
chè egli mi dica non istar bene di salute.
II suo spirito al certo non era ammalato.
Che si dice costà della sua Istoria del Czar?
M. du Tillot mi avea proraesso di man-
darmi qualche foglio di novelle letterarie ;
ma non gli veggo comparire.

Mi hanno scritto da Berlino che nel
Mercurio abbiano tradotto il mio saggio
sopra gï Incas. Ella mi dia nuove in di-
rittura dalla capitale delle Grazie, dalla
resklenza delle Muse ch’ ella abbellisce co-

D 4

tanto
loading ...