Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 67
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0077
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0077
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D X T E . 6'j

reseiallo di Broglio ha fatto si. dal canto
suo, chc la sua patria non ne avrà certa*
mente svantaggio per il cattivo successo
delle sue armi in Allemagna. Una bella
campagna ha egli fatto certamente, ed egli
non è meno ammirato da suoi commilito*
ni, che lo sia da suoi stessi nemici.

a

Che si dice costà della pace perpetua di
Piousseau? lo moro di yoglia di vedere una
tale opera j che sarà piena di que’ parados-
si, a’ quali lo spirito di queli’ uomo singo*
lare sa dare tant’ aria di yerisimiglianza.

Ma che fa ella? Che cosa le detta ora
Apollo? Non sia avara delie hellissime pro»
duzioni del suo ingegno con chi tanto le
ammira^ con chi tanto la stima ed onora.

E 2
loading ...