Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 79
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0089
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0089
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E E> ï T £ , JQ

AIF amabile ministro di Parma la prego
dire mille cose int néme mio. Quanto vor-
rei rivederlo e rivederlo in sua compagnia!
ma anche verrà quel giorno clxe mi sarà
dalo di sbramare la mia sete.

Ardirei domandarle che sia dell’ab. Mo*
rellet. Lo aveano detto alla Bastiglia per
la visione di Palissot; ma spero ne sia usci-
to presentemente, e forse egli lavora qual-
che altra opera che ve lo faccia tornare.

Ghi è il sig. di Montucla che io ammi-
ro per la belia Iscoria che ci ha dato del-
le maiematiche ? Ne ho letto alcuni squar-
ci con piacere grandissimo ; benchè mi pa-
re che mi abbia fatto qualche torto a non
fare una quaîclie menzioncella anche di
me nella storia dell’ Ottica neutoniana. En-
trando come egli fa in tante particolarità
a tal proposto, potea bene anche dire co-
me io fui il primo u sare çon buon esiîo
le sperienze neutoniane ixr Italia : il che
è registrato nel primo tomo di questa no-
stra accademia dell’ Instituto ; corne io ho
confutato ne’ miei dialoghi il sistema del
Puzzelti ; come in Francia ho sostenuto il
Neutonianismo contro gli attentati di Du-
loading ...