Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 87
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0097
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0097
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÎNëDlTS.

ce. M. r abbé de s. Non suo confratello j
lo pregherà <li un piacere per me : la sup-
plico avvalorare detta preghiera anch’ ella j
ella

Dalla cui bocca più dolce del mele

Scorre Ia voce.

Quando adunque vedremo le sue letterô
sopra l’ Italia ? Quanta parte , e per quan-
îi conti non vi prendo io? e non vi deb»
bo io prendere. Si tratta della patria, e
dell’onore che le fa la decima Musa, la
piu amabile tra la nazione amabilissima »
Ne consoli presto con una opera che lan-
to ne interessa ? tanto ne piacerà, tanto
avidamente leggeremo. Prendo la liberlà
d' includere una lettera all’ ab. de s. Non
ch’ ella senza dubbio conosce. Egli certa»
inente è degno di essere conosciuto da lei3
amabile > dolcissimo nel tratto, grande di-
lettante e intendente di pittura. Sino a
maggio prossimo io non farô altri viaggi s
sarô esattissimo nel rispondere «juando an»
che viaggierô da ora innanzi per l’Italia,
come mi sono proposto di fare, avendo
preso tali provvedimenti, che îe mie let-
tere mi giungeranno pontuaimente. I^e in»

F 4 vio
loading ...