Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 104
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
104 L £ T T E a E

nere. Ma quando vedremo il suo sopra F
Italia? Yoglio dire le sue lettere sopra VIta-
lia, ch’ella mi scrisse tempo fa si stampa-
vano in Lione, e che dovrebbo.no oramai
essere stampate? La prego quanto so e pos-
so il più a voler fare, che io sia de’ pri-
mi a leggere Ia bellissima opera sua. S’eï-
la avesse occasione di vedere ra. d’ Alem-
bertla prego volerlo ringraziare in mio
nome dol grazioso dono ch’ egli ha voluto
farmi del suo libro sopra la Musica. Che
dirà ella delle strane rivoluzioni, che ri-
tardano sempre più la bella opera deïla
pace? Ben si puo dire :

fortuna scevo læta negotio,

Et ludum insolentein luclere pertinax

col nostro Orazio. A proposito di grandi
rivoluzioni mi è stato delto, che Voltaire
abbia fatto una tragedia di Cromuello; sog-
getto, che non manca certamente di ter-
rore. Io glie ne ho scritto novellamente
per sapere se ciô sia vero. E quando avre-
mo noi gli ultimi tomi della Enciclopedia?
Si stampano eglino a Parigi o veramente
in Olanda? Che dirà ella di tante mie do-

mande
loading ...