Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 105
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0115
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0115
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . I05

mancle accumulate cosï le une sopra le al-
tre? Ella dirà che io son divenuto un Tat-
tler. Ma consideri al lungo mio silenzio,
ed ella troverà che poche sono le mie do-
mande, e che breve è .questa mia ïettera,
la quale per lunga che fosse, non le po-
trebbe mai dire abbastanza quanto io la
onori, e l’ammiri. Mi permetta solamen-
te di aggiungere un motto per pregarla di
ricordarmi servidore a m. d’Argental, e di
dire mille cose in nome mio al più amabi-
le de’poeti e degli uomini> il sig. Bernard.

*0*0*0*0i0*0cc*0*0*0*c*0*

D E L M E D E SI M O

XLVII.

Bologna 24 Otlobre \rjQ>2..

ï\.ispondo tardi alla ultima gentilissima
sua, perchè in questo srattempo mi sono
un po’ provato a scrivere bene, e a vedere
se potessi divenire un calligrafo : onde il
mio cattivo carattere non dovesse poi dare
tanta briga nè a lei, nè al dragomano la

Gon-
loading ...