Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 116
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0126
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0126
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ii& Lettere

Francesi Favrebbono forse sperata pochi rne-
si sa. II Ministro inglese non è stato cosi
onorato a Londra certamente, corae lo è
e lo merita di essere a Versaglia il Mini-
stro francese.

Sono molto curioso d’ intendere ciô che
le parrà del d. Goldoni; e sono sicuro che
sarà cosï bene da lei difünito, corne è lo
Eniilio di P».ousseau. Ne ho letto novella-
mente di grandi squarci, ed io soscrivo în-
teramente al giudizio suo.

Le ultime nuove che abbiamo della Rus-
sia mostrano quanto prudentemente abbia
fatto m. d’ Alembert a non si volere im-
barcare per li porti del Baltico. Vedremo
che farà Diderot ; ma quello che a me
prerne il più è cli vedeï’e se cotesti signo-
ri ci vorranno dare la Lnciclopedia. Più
di essa mi premono ancora le lettere sue,
nelle quali noi altri italiani abbiamo tanta
parte : ed io arrabbio contro allo stampato-
re di Lione, che non dà saggio in una
îanto importante occasione della attività
francese.

Ardirei pregarla di un favore per uno
amico mio che moltissimo mi preme di

ser-
loading ...