Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 134
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0144
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0144
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i34 Lettere

leggerle, e non contento di averle lette
nna volta, le rilessi una seconcla e una ter-
za, come fanno i veri amanti delle lettere
delle lor belle . Non le posso clire il pia-
cere che mi han fatlo, e il proiitto che ne
ho tratto. Varie cose mi hanno insesrnato

O

appartenenti alia nostra Italia ; ed io non
ho avuto punto di vergogna di essere con-
dotto nel mio proprio paese da una mano
forestiera cosi bella come è la sua. Bellis-
siini sono i versi, de’ quâli ella le lia con-
dite, e la traduzione tra le altre della can-
zonetta di Metastasio Grazie agli inganni
tuoi ec. è tale, che non so se più bello sia
l’originale, ovvero la copia. A parecchi le
ho prestate qui, che me le strappavano cli
mano. Giorni sono le ho mandate al sig.
conte Lorenzi, che a quest’ora le avrà tras-
messe a Bologna alla sig. marchesa Scappi,
che è curiosissiina anch’essa di leggerle. Ma
chi mi darà Ja voce e le parole per degna-
mente ringraziarla del bello personaggio ch’
ella mi fa fare nelle letteye sue? Ella mo-
stra uno de’gran segreti délla vera eloquen-
za di sapere aggrandire le cose più piccio-
Ie ; ed io impicciolirei il benesicio suo, se

pren-
loading ...