Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 181
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0191
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0191
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
sul Triümÿu'ato. l8l
rade volte o non mai prese quella via, clie
vel conducessej Crasso più avido che ca-
pace di comandare; a cui la dovizia più
che alcuna virtù sua diede un grado emi-
nente nella repubblica ; che apertamente
motteggiava dove profondarnente era da si-
muïare : di gloria e di ricchezze ingordo,
quando deli’ une doveva esser sazio, nè
dell’ altra voglioso per conservar la poten-
za ; che fra’ vizj avea in grado singolare il
più contrario di tutti alla propria elevazio-
ne, e di tutte l’arti per innovar le cose
non riconobbe se non la più vile e la rne-
no sicura, quella di subornare e protegge-
re i peggiori; e- che fu in somma il Le-
pido del primo triumyiralo.

/

M 3
loading ...