Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 192
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0202
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0202
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
iga S a g g t o

gli estremi casi ; dal che era beii loirtana
Pompeo. Oltre a cio noa misuro cgli i be-
nellzj, che potcaneli dalla restituzion del
tribunato avvenire, co’pcricoli. Oaesta re-
stituzione pareva senza dubbio al popolo
giustissiraa cosa, come quella, che il ri-
metteva ne’naturali diritti suoi, donde l’
avea disturbato Ia tirannia di un cittadino.
E perchè gli uomini noa ammirano nè sti-
man tanto le azioni giuste, quanio le stra-
ordinarie, rueglio era forse per Pompeo da-
re al popoïo qualche vana prerogativa, raa
nuova, che riporlo negli essenziali suoi di-
ritti, ina antichi. II pericolo poi era gran-
dissimo di render grandi ed indipendenti
coloro, a’ quali egli voleva comandare, di
spalancare il Giano della sedizione chiuso
già da Siîla, e riaprire la grande strada
all’ambizione altrui, come egli fece in fat-
ti per Cesare fido raaiserapre alle parti po-
polari. Di tutto ciù s! accorse egli stesso,
d’una parte ben presto, del resto poi; nè
ciechi gli altri surono a vederlo (1).

La

CD Çhiare in isCa sjuidem re Sullam vehe-
mejiter -probo, qui tribunis plebis sua lege

in-
loading ...